Caricamento

Cybersecurity sanità, un patrimonio di dati a rischio: il punto

Cybersecurity sanità, un patrimonio di dati a rischio: il punto

Una delle principali conseguenze della pandemia è stata una radicale svolta verso la digitalizzazione adottata da numerosissime organizzazioni del settore pubblico e privato. La sanità, in particolare, ha accelerato sensibilmente la trasformazione digitale, mettendo in evidenza, tuttavia, notevoli lacune dal punto di vista della sicurezza dei dati.
Come evidenzia il rapporto "Capire il rischio cyber - Il nuovo orizzonte in sanità" di Sham, realizzato in collaborazione con l'Università di Torino, il 24% delle strutture sanitarie italiane ha comunicato un attacco subito all'infrastruttura informatica nel 2020, specificando che l'11% di queste è stata vittima di ransomware e il 33 %  di accesso non autorizzato ai dati.
La cybersecurity nella sanità è quindi un aspetto che deve essere affrontato prioritariamente, in primis per la tutela del paziente.

Il dato "positivo" è che il 59% delle organizzazioni sanitarie è consapevole dei rischi connessi alla cybersecurity, soprattutto per quanto concerne l'impatto sulle prestazioni ospedaliere e l'organizzazione interna. Nonostante questo dato lasci ben sperare, è altrettanto rilevante il fatto che sono ancora poche le contromisure adottate e comunque non sufficienti. Solo un terzo delle strutture ha implementato un'analisi dei rischi e un test di vulnerabilità. 

Cybersecurity nella sanità, rischi e soluzioni

Dal download dei referti, fino all'implementazione dell’intelligenza artificiale nella diagnostica: nel settore della sanità i rischi connessi alla cybersecurity sono ovunque. Tutte le aziende sanitarie vogliono restare al passo con i tempi con progetti di medicina avanzata che sfruttano tutte le potenzialità tecnologiche del digitale. Questo significa che l'infrastruttura deve al contempo implementare delle soluzioni di cybersecurity adeguate. 

La svolta digitale del settore della sanità è una delle più complesse, a causa dell'enorme mole di dati gestita dai sistemi informativi. Questi sono il risultato di diverse integrazioni avvenute nel corso degli anni, pertanto oggi alcuni reparti hanno adottato l'intelligenza artificiale, mentre altri gestiscono ancora i referti in cartaceo. Pertanto, questa discrepanza crea non pochi problemi alla sicurezza interna. 

I rischi legati alla cybersecurity nella sanità fanno riferimento alla riservatezza dei dati ma anche alla correttezza e integrità degli stessi, con un'elevata criticità connessa alla cura dei pazienti. La sanità, quindi, ha in dote un'enorme quantità di dati, un vero e proprio patrimonio che può e deve essere sfruttato anche nel campo della ricerca. Un patrimonio che deve essere assolutamente protetto.

La soluzione è sicuramente tecnologica, con interventi mirati a individuare le criticità sul sistema informativo, ma anche formativa: è importante coinvolgere gli operatori sanitari in procedure di comportamento adeguato nel trattamento dei dati e nell'utilizzo dei sistemi informativi, soprattutto quelli più digitalizzati, con corsi di formazione e simulazioni mirate a seconda delle diverse vulnerabilità. 

Fonte: cybersecurity360.it

Vuoi mettere al sicuro la tua struttura sanitaria? Compila il form e inizia dal Security Assessment!

Otterrai una proposta di percorso di remediation per colmare le criticità rilevate nell'intera infrastruttura IT!

 

    Ai sensi dell’Art. 13 del Regolamento EU 2016/679, le comunichiamo che i dati qui richiesti vengono raccolti
    e trattati per la finalità di invio materiale di cui sopra.
    Il conferimento dei dati è facoltativo, ma la compilazione dei campi obbligatori è necessaria per l'invio dei materiali di approfondimento.
    Informativa completa: Informativa Privacy

    I suoi dati saranno trattati inoltre, dietro suo esplicito consenso, per le seguenti finalità:

    A) Invio di comunicazioni promozionali e di marketing, incluso l’invio di newsletter e ricerche di
    mercato, attraverso strumenti automatizzati e non posta cartacea, telefono con operatore.
    Si accoglie un unico consenso per le finalità di marketing, ai sensi del Provv. Gen. del Garante –
    Linee guida in materia di attività promozionale e contrasto allo spam del 4 luglio 2013

    Non Acconsento

    B) Comunicazione dei miei dati personali per finalità di marketing alle Società Partner dell’evento.

    Non Acconsento

    In qualsiasi momento, ai sensi dell’Art. 7 del Regolamento potrà revocare, in tutto o in parte, il consenso già
    prestato, senza che ciò pregiudichi la liceità del trattamento effettuato anteriormente alla revoca del
    consenso. Le richieste vanno rivolte per iscritto al Titolare del Trattamento.

    Richiedi maggiori informazioni
    La tua richiesta è stata inviata correttamente.

    free_breakfast
    #CoffeeTECH
    Vacanze estive: NOC& SOC sempre aperti h24 7*7
    Le vacanze proseguono a ritmo serrato,  ma Lantech Longwave rimane sempre operativa! Durante la pausa estiva, NOC & SOC continueranno a fornire...
    READ MORE
    arrow_forward
    Cloud computing nelle PMI: 5 vantaggi immediati per la tua azienda
    Le piccole e medie imprese rappresentano la quasi totalità delle aziende italiane, producendo gran parte del fatturato totale. Tra tutte le PMI, solo...
    READ MORE
    arrow_forward
    mouse
    Business Case
    Logistica e trasporti: un progetto di Network Monitoring & Maintenance
    Oggi sempre più aziende, soprattutto quelle basate su infrastrutture complesse e distribuite a livello nazionale e internazionale, hanno l'esigenza di...
    READ MORE
    arrow_forward
    Next generation network monitoring per reti mobile
    La next generation network è un'innovativa rete realizzata per far fronte alla crescita del traffico digitale, il generale bisogno di mobilità e la convergenza...
    READ MORE
    arrow_forward