Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

NVMe e NVMe-oF: i nuovi protocolli di accesso ai dischi flash

NVMe e NVMe-oF: i nuovi protocolli di accesso ai dischi flash

L’introduzione dei dischi Flash ha aumentato le aspettative degli utenti relativamente alle prestazioni; chiunque utilizzi un tablet o sia in possesso di un PC con disco flash è ormai abituato a tempi di risposta molto rapidi e le stesse performance se le aspetta da tutte le applicazioni aziendali, indipendentemente dal fatto che queste siano più complesse e che spesso siano ospitate in cloud.

Per contro, le performance dei dischi SSD sono arrivate al limite a causa dei colli di bottiglia presenti nel path che il dato percorre per arrivare al disco. Il vero limite è da imputare al fatto che viene utilizzato SCSI come protocollo di comunicazione. SCSI è un protocollo che è stato sviluppato molti anni fa (progettato nel 1978; https://it.wikipedia.org/wiki/Small_Computer_System_Interface) per l’accesso ai dischi meccanici (gli odierni dischi SAS e NL-SAS) e non è ovviamente ottimizzato per la gestione dell’accesso ai dischi flash.

Il limite principale è dovuto al fatto che il protocollo SCSI inserisce le richieste di I/O in una singola coda, contenente un massimo di 256 comandi. Questo protocollo era adatto per i dischi meccanici in quanto le richieste di I/O rimanevano si in attesa nella coda ma le testine di lettura/scrittura (in grado di eseguire una sola richiesta per volta) erano occupate a cercare i dati sulla corretta porzione di disco (ovvero il collo di bottiglia era il disco e la sua velocità di accesso al dato). La situazione è cambiata con l’introduzione dei dischi Flash: non ci sono parti mobili e quindi la latenza è molto bassa. Ora il collo di bottiglia per l’accesso ai dati in questa tipologia di dischi non è più il disco ma la coda SCSI. Inoltre l’introduzione dell’interfaccia PCI Express (PCIe), in grado di gestire fino a 64.000 code ognuna contenente fino a 64.000 comandi ha ulteriormente evidenziato la necessità di costruire un nuovo protocollo per l’accesso ai dati. Dal 2014 ha iniziato lavorare a questo protocollo il consorzio NVM Express (https://nvmexpress.org/). Si tratta di una organizzazione che raggruppa i principali produttori di Hardware/Software e che ha come obiettivo lo sviluppo di questo nuovo protocollo standard in grado di sfruttare tutti i vantaggi derivanti dall’utilizzo delle memorie non-volatili installate su bus PCIe. Tra i membri dell’organizzazione abbiamo i seguenti:

NVM Express (NVMe) è anche il nome del protocollo realizzato: si tratta di una interfaccia (HCI: Host Controller Interface) ad alta velocità progettata per tutti quei sistemi che utilizzano dischi allo stato solido su bus PCI express. NVMe sfrutta le caratteristiche del bus PCIe e dei dischi a stato solido migliorando il numero di IOPS e riducendo la latenza. NVMe supporta 64000 code ognuna in grado di contenere fino a 64000 comandi. Le code sono progettate in modo tale che i comandi di I/O e le risposte a tali comandi operino sullo stesso core di CPU e possano sfruttare le capacità di elaborazione parallela dei processori multi-core. La grande quantità di code disponibili permette ad ogni applicazione di avere una propria coda indipendente, quindi non c’è I/O lock.

(Fonte https://nvmexpress.org)

L’evoluzione più naturale del protocollo NVMe è quello di permetterne l’utilizzo anche per sistemi che sono connessi a storage esterni tramite rete FC, Ethernet o Infiniband. Per questo motivo è stato introdotto NVMe over Fabrics (NVMe-oF). Questo protocollo permette di estendere i benefici di NVMe appena descritti non solo all’accesso ai dischi flash locali ma anche all’accesso a storage AllFlash esterni.

(Fonte https://nvmexpress.org)

 

NVMe è sviluppato su due tipologie di trasporto:

  • RDMA: è un meccanismo di trasporto da RAM a RAM tra due computer. I dati vengono inviati da uno spazio indirizzo di memoria a un altro, senza richiamare il sistema operativo o il processore. Supportato da Infiniband, RoCE (RDMA over Converged Ethernet ) e iWARP (Internet Wide-Area RDMA Protocol)
  • Fibre Channel (FC-NVMe): sviluppato dal comitato T11 dell'International Committee for Information Technology Standards (INCITS); consente anche la coesistenza di altri protocolli su di esso, come NVMe, SCSI e FICON. In questo modo è possibile avere sulla stessa infrastruttura sia sistemi NVMe che sistemi FC (switch e HBA di ultima generazione sono in grado di gestire entrambi i protocolli)

Tutte le componenti devono supportare il protocollo NVMe-oF: il server, gli switch utilizzati per la connessione allo storage e lo storage stesso.

Molte aziende hanno già attive soluzioni FC di storage area network; gli switch FC e le HBA di ultima generazione, mediante upgrade del firmware, sono in grado di gestire anche il protocollo NVMe. In architetture di questo tipo non è necessario sostituire l’intera infrastruttura ma è sufficiente inserire in SAN uno storage NVMe, continuando a utilizzare il protocollo FC per l’esistente e il protocollo NVMe-oF verso il nuovo storage. È così possibile ridurre i costi e rischi di migrazione.

Tra i principali storage vendor con a portafoglio soluzioni storage NVMe troviamo Netapp e Pure Storage.

 

A cura di 

Franco Benuzzi - Business Manager Datacenter 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

free_breakfast
#CoffeeTECH
La Community torna a settembre!
Avete già pensato a cosa mettere in valigia? Costume e occhiali da sole per una rilassante vacanza in riva al mare oppure zaino in spalla e via in montagna?...
READ MORE
arrow_forward
Drive to store: la relazione digitale con il cliente passa (anche) dal punto vendita fisico
Nell’universo poliedrico di insegne che popolano la digital “age”, uno degli asset più significativi in grado di determinare la scelta del consumatore...
READ MORE
arrow_forward
mouse
Business Case
Lantech Longwave implementa il nuovo Training Center dell'Aeroporto di Bologna
Con oltre 8.500.000 passeggeri nel solo 2018, l'Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna rappresenta il principale scalo dell'Emilia Romagna e uno dei più...
READ MORE
arrow_forward
Automatizzare e ridurre la filiera organizzativa nel trattamento dell’aceto e dei materiali di produzione. Il caso Acetum S.p.A.
Sul mercato italiano e internazionale da oltre un secolo, Acetum S.p.A. è specializzata nella produzione di Aceto Balsamico di Modena, che realizza...
READ MORE
arrow_forward