Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

IoT: dalla fase teorica alla fase operativa

IoT: dalla fase teorica alla fase operativa

L’IoT ha ormai acquisito un effetto dirompente sulle aziende in fase di evoluzione verso il business digitale. Siamo nel bel mezzo di un’era in cui la parola chiave è senza ombra di dubbio “connessione” e in questo senso i dati parlano chiaro: uno studio condotto da Cisco parla di più di 50 trilioni di sensori che collegheranno gli oggetti al web entro il 2020. Questo vuol dire che mediamente ogni essere umano disporrà di quattro dispositivi IoT.

Ma che impatto ha tutto ciò sulla vita delle imprese?
Secondo i dati riportati dall’Osservatorio Smart Manufacturing del Politecnico di Milano, il 66% degli investimenti dell’iIndustria Italiana, è rappresentato da progetti di Internet of Things. Gli ambiti di applicazione sono molteplici: si stima che le iniziative IoT legate ai processi interni dell’azienda rispondono principalmente ad esigenze di ottimizzazione operativa, come ad esempio la supply chain e la gestione del workflow; al contempo, le iniziative legate invece ai processi esterni, si focalizzano maggiormente sulla possibilità di raccogliere dati sempre più strutturati sui propri clienti, al fine di mettere a punto strategie produttive e/o di marketing sempre più mirate.

Il processo di digitalizzazione è arrivato quasi alla fase più matura, dal momento che negli ultimi tempi è sempre più evidente che le aziende stanno passando da una fase puramente “teorica”, durante la quale si sono soffermate ad approfondire il potenziale dell’Internet delle Cose, ad una fase decisamente più “operativa”, spinta dall’evidenza dei benefici ormai sotto gli occhi di tutti.

Sebbene gli ambiti e le priorità di adozione cambino in base a tanti fattori, quali il vertical di riferimento, le necessità percepite o anche la dimensione aziendale, è chiaro che l’Internet of Things porti con sé potenzialità enormi, davanti alle quali le aziende non possono rimanere estranee o inermi. L’ingresso dell’IoT all’interno delle imprese apre nuovi orizzonti e prospettive e nuovi fronti di competitività irrinunciabili.

Tutto il management, ma in particolar modo i Responsabili IT insieme ad un Partner qualificato che possa affiancarli nella strada verso la digitalizzazione, sono oggi chiamati a comprendere rapidamente come e dove adeguare le nuove tecnologie al business e a massimizzare i risultati di questa evoluzione senza precedenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

free_breakfast
#CoffeeTECH
We are more than ONE, we are a Team: ConnectUp19
Esiste una sottile, ma fondamentale differenza tra “gruppo” e “squadra”, eppure più spesso di quanto si pensi queste idee vengono confuse. Si...
READ MORE
arrow_forward
NVMe e NVMe-oF: i nuovi protocolli di accesso ai dischi flash
L’introduzione dei dischi Flash ha aumentato le aspettative degli utenti relativamente alle prestazioni; chiunque utilizzi un tablet o sia in possesso...
READ MORE
arrow_forward
mouse
Business Case
Lantech Longwave implementa il nuovo Training Center dell'Aeroporto di Bologna
Con oltre 8.500.000 passeggeri nel solo 2018, l'Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna rappresenta il principale scalo dell'Emilia Romagna e uno dei più...
READ MORE
arrow_forward
Automatizzare e ridurre la filiera organizzativa nel trattamento dell’aceto e dei materiali di produzione. Il caso Acetum S.p.A.
Sul mercato italiano e internazionale da oltre un secolo, Acetum S.p.A. è specializzata nella produzione di Aceto Balsamico di Modena, che realizza...
READ MORE
arrow_forward